martedì 17 gennaio 2017

Caro Costantino e Cara Carrie ...

Non so se avete letto la notizia del momento che gira non solo nella rete ma ormai in tutte le nostre bacheche Facebook. A quanto pare Costantino della Gherardesca compirà 40 anni e ha deciso di aprire una sua "lista nozze" dove richiede donazioni ai suoi Fan per poter poi andare a darsi una rinfrescata "bisturiana" in Svizzera presso una rinomata clinica specializzata in chirurgia estetica.
A confermare questi articoli è lui stesso che li ricondivide ormai no-stop nella sua Home.


Eppure  per chi ha pensato che è stata una grande trovata, voglio ricordare che Costantino non è il genio del momento. Sono sicurissima che molti di noi lo sanno bene: questa idea di auto-regalarsi una lista nozze fu anni fa di Carrie, la protagonista di Sex and the City. Lei giustificava questa ideona così:

"..se resti single a parte il diploma non c'è una sola occasione in cui gli amici ti festeggino.. a chi viene in mente di farti le congratulazioni per non aver sposato l'uomo sbagliato, e chi ti regala un servizio di posate quando vai in vacanza da sola? ..la morale della storia è che finchè non mi sposo io non avrò un bel niente.. "



Detto ciò mi sono fermata anche io a riflettere su una cosa. C'è davvero così tanta necessità di donazioni a personaggi famosi? Non diamo già la possibilità a loro di farsi questi piccoli grandi regali donandogli qualcosa di molto piu' importante dei nostri soldi? ( il nostro tempo, la nostra attenzione)
Noi diamo loro la fama, perchè si sa, un personaggio pubblico senza il suo pubblico è spazzatura, è una meteora destinata a spegnersi nel cielo delle grandi stelle.
E a noi? Noi piccolo e grande pubblico? Noi uomini di tutti i giorni, molti dei quali senza lavoro, cosa ci regalano? Nulla. Noi per toglierci le soddisfazioni ci spacchiamo il fondo schiena e diciamocelo: sicuramente alla fine abbiamo molta piu' soddisfazione a toglierci lo sfizio dopo tanti "NO non posso permettermelo".

Caro Costantino e cara Carrie.
Vi facciamo gli auguri ma non avrete neanche un centesimo, ne una suola di scarpa da noi! Continuate a farci ridere o sognare e forse sarà il tempo che vi dedichiamo a ripagarvi di tutto.

Latte